Ricetta Brioche all’acqua - La ricetta di Piccole Ricette
Brioche all’acqua

Brioche all’acqua

Extra:
  • Economica
  • Senza lattosio
  • Vegetariana

Ingredienti

Preparazione Brioche all’acqua

Condividi

Le brioche all’acqua sono delle deliziose brioche senza burro, uova e latte. Praticamente senza nulla, ma il risultato è davvero sorprendente. Certo, non si possono paragonare con le classiche brioche ricche di burro e uova, ma se vuoi provare qualcosa di diverso, queste briochine sono davvero buone e leggere. Un piccolo consiglio: consumale quando sono ancora tiepide e sfornate da poco, perché essendo prive di burro e uova, questi dolcetti tendono ad indurirsi velocemente.

Per prima cosa setaccia 125 g di farina 00 assieme a 125 g di farina Manitoba e mettile in una ciotola, unisci i 3 g di lievito di birra secco, il pizzico di sale, aggiungi 125 ml di acqua tiepida e 70 g di sciroppo d’acero, 30 g di olio di semi di mais, la scorza grattugiata del limone, quella dell’arancia e i semi della mezza bacca di vaniglia, quindi inizia ad impastare il tutto, fino a quando avrai ottenuto un composto molto morbido ed elastico. Se hai una planetaria, usala perché l’impasto è davvero molle e a mano si fa molta fatica.

Trasferisci l’impasto in una ciotola pulita e coprila con della pellicola trasparente, quindi lascialo lievitare in un luogo tiepido per almeno un’ora e mezza, o comunque fino a quando avrà raddoppiato il suo volume.

Trascorso il tempo necessario, riprendi l’impasto, sgonfialo e lavoralo per qualche secondo con le mani su un piano di lavoro ben infarinato, poi rimettilo nella ciotola, coprila nuovamente con la pellicola trasparente e mettila in frigorifero per 3 ore circa.

Trascorse le 3 ore riprendi l’impasto e suddividilo in 6 pezzi uguali, quindi lavora ogni pezzetto di pasta in modo da ottenere 6 palline lisce e uniformi. Disponi le 6 palline su una teglia dai bordi bassi foderata con carta da forno, avendo cura di distanziarle bene una dall’altra, poi mettile a lievitare in un luogo tiepido e umido (ad esempio puoi riscaldare appena il forno, spegnerlo e mettere sul ripiano inferiore un pentolino colmo di acqua bollente, in questo modo si creerà la temperatura e l’umidità ideale per la lievitazione) per un’ora ancora o comunque fino a quando avranno raddoppiato il loro volume.

Non appena le brioche saranno ben lievitate, (tirale fuori dal forno, se le hai messe a lievitare lì) porta il forno a 180 °C in modalità statica e non appena avrà raggiunto la temperatura impostata, metti a cuocere le brioche per circa 15-20 minuti, o fino a quando saranno cotte e dorate in superficie.

Una volta cotte, sfornale e coprile immediatamente con un canovaccio asciutto e pulito, appoggiando sopra a questo un foglio di alluminio: questo serve per ammorbidire la crosticina superiore e fare in modo che le brioche non si asciughino troppo mentre si raffreddano. Consumale appena saranno diventate tiepide, spolverizzandole con zucchero a velo e se ne avanzi, potrai congelarle o conservarle fino al giorno successivo in un sacchetto di plastica per alimenti e poi riscaldarle leggermente prima di servirle.


Vota questa ricetta




ValentinaPiccoleRicette

Piemontese di origine, Lombarda di adozione. Potrei dire che cucino per passione, ma la verità è che cucino perchè sono una mangiona. Lo sono sempre stata, fin da piccola, anche quando mia madre mi metteva nel piatto le rape o il fegato con le cipolle, non facevo un plissè e ripulivo il piatto, un tritatutto insomma. Poi crescendo invece... non sono cambiata.

precedente
Amatriciana classica
successivo
Sogliola alla mugnaia
  • 678 visualizzazioni
  • 360 min
  • 6 porzioni
  • Difficoltà media
  • 186 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

125 g di farina 00
125 g di farina Manitoba
3 g di lievito di birra secco
1 pizzico di sale
125 ml di acqua tiepida
70 g di sciroppo d’acero
30 g di olio di semi di mais
la scorza grattugiata di 1 limone non trattato
la scorza grattugiata di 1 arancia non trattata
i semi di mezza bacca di vaniglia
zucchero a velo per guarnire q.b.
precedente
Amatriciana classica
successivo
Sogliola alla mugnaia

Carico i commenti...

Commenti

Esegui il login o registrati per commentare.