Ricetta Carpaccio di polpo - La ricetta di Piccole Ricette
Carpaccio di polpo

Carpaccio di polpo

Extra:
  • Senza glutine
  • Senza lattosio

Ingredienti

Preparazione Carpaccio di polpo

Condividi

Fresco e gustoso, è l’antipasto perfetto per una cenetta estiva all’aperto! Ricordati che il polpo va sempre preparato il giorno prima e che, prima di metterti all’opera, devi procurarti una bottiglia di plastica dalla superficie liscia, tagliata a metà.

Prendi il gambo di sedano, lavalo, puliscilo eliminando le parti rovinate (se ce ne sono) e poi taglialo a rondelle di mezzo centimetro. Lava la carota, puliscila e tagliala a fettine sempre di mezzo centimetro. Pulisci la cipolla, eliminando le foglie esterne, e poi tagliala a spicchi.

Riempi d’acqua una pentola alta, mettici dentro le verdure, aggiungi un pizzico di sale grosso e porta a ebollizione. Mentre aspetti, pulisci il polpo togliendo il becco, gli occhi e le viscere e lavalo bene sotto l’acqua corrente per eliminare la patina vischiosa.

Quando l’acqua bolle, immergilo tenendolo per la testa (ricordati che il livello dell’acqua deve superare di 2-3 centimetri l’altezza del polpo immerso). Aspetta che il bollore riprenda, quindi abbassa la fiamma (l’acqua deve solo sussultare) e fai cuocere, con il coperchio, per 40-50 minuti. Passato questo tempo, togli il polpo dall’acqua (senza spegnere la fiamma) e infilza la base dei tentacoli con i rebbi di una forchetta: se entrano senza fatica il polpo è pronto, se invece la carne fa resistenza, rimettilo nell’acqua e fallo cuocere per altri 10 minuti.

Una volta cotto, taglia il polpo a pezzetti non troppo piccoli e mettili nella mezza bottiglia di plastica. Poco per volta, aiutandoti delicatamente con un batticarne, schiaccia il polpo dentro la bottiglia per eliminare il liquido in eccesso. Attenzione, però, a non eliminarlo tutto: lasciane un po’, perché la sua collosità servirà a rendere il carpaccio più compatto. Al termine di questa operazione, taglia la parte superiore della bottiglia a listarelle, ripiegale sul polpo, sigilla bene il tutto con la pellicola e metti a riposare in frigorifero per 24 ore. La cosa più importante è che il polpo rimanga sotto pressione e ben schiacciato.

Il giorno dopo, poco prima di servirlo in tavola, sposta il polpo nel freezer (mezz’ora sarà sufficiente), poi toglilo dalla bottiglia (che probabilmente dovrai tagliare, quindi fai attenzione) e affettalo non troppo sottile. Disponi le fette su un piatto da portata e condisci con un’emulsione, preparata al momento, di 4 cucchiai di olio, il succo di 1 limone (o lime) e se vuoi una spolverata di pepe nero (o sale nero). Volendo, puoi guarnire con una manciata di prezzemolo tritato. In alternativa, utilizza solo olio e limone per preparare l’emulsione e poi spolverizza il tutto con il pepe.

Servi immediatamente, perché le fette tenderanno, scaldandosi, a perdere compattezza. Se avanza, conserva il polpo in frigorifero dopo averlo coperto e consumalo il prima possibile.

In alternativa a carota, sedano e cipolla, puoi lessare il polpo aromatizzandolo con due foglie di alloro e la scorza di un’arancia. In questo caso, puoi mettere un po’ di scorza di arancia anche nella mezza bottiglia, mentre lo pressi dopo la cottura.

Articoli correlati


Vota questa ricetta




ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

Sushi dolce
precedente
Sushi dolce
successivo
Frittatine agli spinaci
  • 711 visualizzazioni
  • 90 min
  • 4 porzioni
  • Difficoltà media
  • 147 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

1 kg di polpo
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla
4 cucchiai di olio di oliva
il succo di 1 limone (o 1 lime)
sale grosso q.b.
pepe nero (o sale nero) q.b.
prezzemolo tritato q.b.
Sushi dolce
precedente
Sushi dolce
successivo
Frittatine agli spinaci

Carico i commenti...

Commenti

Esegui il login o registrati per commentare.