Ricetta Crostata ai frutti di bosco - La ricetta di Piccole Ricette
Crostata ai frutti di bosco

Crostata ai frutti di bosco

Extra:
  • Vegetariana

Ingredienti

Preparazione Crostata ai frutti di bosco

Condividi

Questa crostata dall’aspetto molto rustico è un dolce davvero fresco e non troppo dolce: infatti la dolcezza della crema pasticcera è rinfrescata dall’aroma delle bacche di cardamomo e il sapore avvolgente della pasta frolla è mitigato dalla crema ai frutti di bosco e dai frutti di bosco stessi che insieme danno quel tocco di freschezza e acidità che riequilibra il tutto. Un fine pasto perfetto, insomma!

Per realizzare questa torta, devi innanzitutto preparare la pasta frolla: in una ciotola quindi metti la farina 00, il burro ammorbidito a temperatura ambiente, lo zucchero a velo, 40 g di tuorli, i semi di mezzo baccello di vaniglia, la scorza grattugiata di mezzo limone e un pizzico di sale quindi impasta il tutto con le mani fino ad ottenere un panetto di pasta liscio e morbido. Avvolgi la pasta nella pellicola trasparente e lasciala riposare in frigorifero per almeno un’ora.

Nel frattempo prepara le due creme cominciando dalla crema pasticcera: fai scaldare il latte intero e la panna in un pentolino posto su fuoco basso, aggiungendo anche i semi di mezzo baccello di vaniglia, 4 semi di cardamomo pestati e la scorza di mezzo limone tagliata a strisce larghe (per fare prima, tagliale con un pelapatate, così eviterai anche che rimanga attaccato troppo albedo, ossia la parte bianca della buccia che renderebbe la crema amarognola). Non appena il latte sarà ben caldo, spegni il fuoco e lascialo intiepidire assieme agli aromi. In una ciotola a parte sbatti con le fruste elettriche 80 g di tuorli assieme allo zucchero semolato, fino a quando avrai ottenuto una crema densa, gonfia e molto chiara, unisci a questa crema 45 g di amido di mais e mescola bene il tutto.

Non appena il latte sarà tiepido, filtralo attraverso un colino e versalo nella ciotola con i tuorli e l’amido, mescolando bene con una frusta in modo che non restino grumi.

Versa questo mix (molto liquido) nel pentolino lavato e pulito e portalo lentamente a bollore su fuoco basso, senza mai smettere di mescolare con una frusta. Lascia cuocere la crema fino a quando avrà raggiunto una consistenza piuttosto densa, dopodichè spegni il fuoco e lasciala freddare completamente prima a temperatura ambiente e poi in frigorifero, coprendola con della pellicola trasparente (è importante che la pellicola sia a contatto con la crema, in modo che sulla superficie non si formi la pellicina).

Occupati ora della seconda crema: per realizzarla dovrai utilizzare metà dei frutti di bosco e metà delle fragole, quindi riduci metà delle fragole a pezzetti piccoli.

In una larga padella antiaderente metti metà dei frutti (more, lamponi, fragole e mirtilli), lo zucchero di canna, la scorza grattugiata e il succo di un limone, quindi accendi il fuoco.

Lascia sobbollire e cuocere i frutti di bosco per 10 minuti, mescolandoli e schiacciandoli leggermente, dopodichè unisci 1 cucchiaino di amido di mais e mescola bene fino ad ottenere un composto simile a una marmellata. Spegni il fuoco e lascia raffreddare la salsa.

Trascorsa l’ora di riposo, riprendi la pasta frolla e stendila sul piano di lavoro infarinato, aiutandoti con un mattarello fino ad ottenere un disco dello spessore di circa 4-5 millimetri, quindi fodera con questo disco uno stampo per crostate del diametro di circa 24 centimetri, eliminando ciò che sborda dalla tortiera, bucherella la base e falla cuocere in bianco (ossia senza ripieno): copri la base con un foglio di carta da forno bucherellato e riempila con legumi secchi o con le sfere di ceramica apposite per la cottura in bianco (questo servirà solo a non far gonfiare e deformare la frolla durante la cottura).

Trasferisci la base di frolla coperta di legumi in forno statico caldo a 200 °C per circa 15 minuti, trascorsi si quali puoi eliminare i legumi e la carta da forno e proseguire la cottura in forno per altri 15 minuti (sempre a 200 °C), in modo che la pasta si asciughi e si dori leggermente. Una volta sfornata, spennella l’interno del guscio di frolla con un po’ di albume (giusto un velo), che una volta asciutto formerà una pellicola protettiva che isolerà la pasta da un eventuale ripieno umido, evitando che si inzuppi risultando molle dopo qualche ora.

Una volta raffreddata completamente la base, non ti rimane che montare la tua crostata: stendi sul fondo del guscio di frolla uno strato di crema pasticcera al cardamomo, poi spalma uno strato di crema ai frutti di bosco e termina la torta decorandola con le fragole e i frutti di bosco avanzati, ben lavati e asciutti.

Lascia riposare la torta in frigorifero per almeno un’ora prima di servirla in tavola e buon appetito!


Vota questa ricetta




ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

precedente
Fagioli e cime di rapa
successivo
Torta autunnale
  • 532 visualizzazioni
  • 120 min
  • 12 porzioni
  • Difficoltà difficile
  • 370 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

250 g di farina 00
150 g di burro ammorbidito
100 g di zucchero a velo
40 g di tuorli (circa 3 tuorli) per la frolla
1 pizzico di sale
i semi di 1 baccello di vaniglia
la scorza grattugiata di 2 limoni non trattati
400 ml di latte intero
100 ml di panna fresca
4 semi di cardamomo pestati
la scorza di mezzo limone tagliata a strisce
80 g di tuorli (circa 6 tuorli) per la crema
140 g di zucchero semolato
45 g di amido di mais
500 g di fragole pulite e lavate
125 g di mirtilli lavati e asciutti
125 g di more lavate e asciutte
125 g di lamponi lavati e asciutti
2 cucchiai di zucchero di canna
il succo di 1 limone non trattato
1 cucchiaino di amido di mais
1 albume per isolare
precedente
Fagioli e cime di rapa
successivo
Torta autunnale

Carico i commenti...

Commenti

Esegui il login o registrati per commentare.