Ricetta Gramigna con salsiccia al latte - La ricetta di Piccole Ricette
Gramigna con salsiccia al latte

Gramigna con salsiccia al latte

Extra:
  • Economica

Ingredienti

Preparazione Gramigna con salsiccia al latte

Condividi

La gramigna con salsiccia al latte è la variante di una antica ricetta emiliana.

Per cominciare taglia sottilmente la cipolla e falla soffriggere in poco olio di oliva.

Quando la cipolla sarà dorata, aggiungi la salsiccia a pezzetti privata della pelle e fai rosolare anch’essa, su fuoco dolce.

Non appena la salsiccia sarà cotta, sfuma con 1 bicchiere di vino e alza la fiamma, in modo da farlo evaporare del tutto, ci vorranno circa 5 minuti.

Passato questo tempo aggiungi il latte e lascia restringere il sughetto su fuoco basso, mescolando di tanto in tanto e coprendo la padella con il coperchio.

Nel frattempo fai cuocere la pasta (consiglio di usare la gramigna, ma qualunque tipo di pasta corta è adatto a questo sugo) in abbondante acqua salata in ebollizione e non appena è cotta, scolala e versala nella padella con il sugo.

Mescola bene la pasta prima di servirla in tavola spolverandola con del buon parmigiano reggiano grattugiato.


Vota questa ricetta




ValentinaPiccoleRicette

Piemontese di origine, Lombarda di adozione. Potrei dire che cucino per passione, ma la verità è che cucino perchè sono una mangiona. Lo sono sempre stata, fin da piccola, anche quando mia madre mi metteva nel piatto le rape o il fegato con le cipolle, non facevo un plissè e ripulivo il piatto, un tritatutto insomma. Poi crescendo invece... non sono cambiata.

precedente
Spiedini di pollo speziati
successivo
Frittata ai 6 gusti
  • 642 visualizzazioni
  • 30 min
  • 5 porzioni
  • Difficoltà media
  • 619 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

400 g di gramigna
4-5 salsicce
mezza cipolla
1 bicchiere di vino bianco
1 bicchiere e mezzo di latte
parmigiano reggiano grattugiato q.b.
precedente
Spiedini di pollo speziati
successivo
Frittata ai 6 gusti

Carico i commenti...

Commenti

Esegui il login o registrati per commentare.