Ricetta Sofficini alla pizzaiola - La ricetta di Piccole Ricette
Sofficini alla pizzaiola

Sofficini alla pizzaiola

Extra:
  • Economica
  • Vegetariana

Ingredienti

Preparazione Sofficini alla pizzaiola

Condividi

I Sofficini alla pizzaiola sono la versione casalinga dei famosi Sofficini che si trovano surgelati al supermercato. Prepararli non è difficile e volendo potrai farne in abbondanza, perché una volta pronti, potrai congelarli da crudi e poi metterli a cuocere nell’olio bollente (ancora congelati) solo quando vorrai consumarli, esattamente come quelli comprati.

Per cominciare, occupati del ripieno: in una padella fai rosolare in poco olio di oliva un cucchiaio di cipolla bianca tritata e non appena questa sarà dorata, unisci 250 g di passata di pomodoro, un cucchiaino di origano secco e un pizzico di sale, quindi mescola bene e lascia cuocere il sugo fino a quando sarà molto asciutto (in base al tipo di passata possono volerci anche 25-30 minuti). Una volta pronto, lascialo raffreddare completamente.

A parte prepara la besciamella (te ne serviranno 200 g), seguendo la ricetta://093 Besciamella, poi falla raffreddare.

Quando sia il sugo che la besciamella saranno freddi, mescolali assieme, aggiungendo anche 50 g di provola dolce a cubetti e tieni il composto da parte.

A questo punto prepara la pasta per i Sofficini: metti 250 ml di latte in una pentola capiente, aggiungi 3 cucchiai di olio di oliva, un generoso pizzico di sale e accendi il fuoco al massimo, portando ad ebollizione il latte.

Quando starà bollendo, abbassa la fiamma al minimo e versa 250 g di farina, mescolando prima con una frusta per eliminare tutti i grumi e poi con un cucchiaio di legno fino a quando il composto si sarà rassodato molto e si staccherà dalle pareti. Alla fine otterrai un composto piuttosto duro.

Trasferisci il composto sul piano di lavoro infarinato e lascialo raffreddare completamente, avvolgendolo nella pellicola trasparente, dopodiché impastalo con le mani, fino ad ottenere un panetto liscio.

Stendi l’impasto ad uno spessore di circa 2 millimetri, poi con un coppapasta rotondo da circa 10-12 centimetri di diametro, ritaglia tanti dischi di pasta (con queste dosi dovresti riuscire a ricavarne una decina) e farciscili con una generosa cucchiaiata di composto di sugo, besciamella e formaggio.

Piega i dischi a metà ottenendo dei semicerchi e premendo bene i bordi prima con la punta delle dita, poi con i rebbi di una forchetta, in maniera da sigillare bene il ripieno.

Sbatti l’uovo assieme a 50 ml di latte in un piatto fondo, metti il pangrattato in un altro piatto fondo e passa ogni sofficino, prima nel composto di uovo e latte e poi nel pangrattato, panandoli per bene.

Una volta pronti, scalda abbondante olio di semi di arachidi in una padella profonda. A proposito dell’olio, puoi utilizzare un qualsiasi altro olio di semi: mais, semi misti e girasole, evitando però l’olio di oliva perché non è adatto alla frittura e ha un sapore troppo marcato.

Le cose più importanti per ottenere un fritto asciutto e uniforme sono principalmente due: la prima, riguarda la quantità di olio, che deve essere in quantità sufficiente da superare in profondità l’alimento che si deve friggere, quindi in questo caso, se i Sofficini sono spessi 2 centimetri, l’olio dovrà essere profondo almeno 3 centimetri; la seconda cosa è la temperatura, che deve aggirarsi intorno ai 175-180 °C, quindi se non possiedi un termometro da olio, per verificarne la temperatura immergi nell’olio caldo uno stecchino di legno: se si formano delle bollicine intorno allo stecchino, significa che la temperatura è quella giusta.

Non appena l’olio avrà raggiunto la temperatura corretta, immergi uno o due Sofficini alla volta e lasciali friggere, rigirandoli, fino a quando saranno dorati da entrambi i lati, dopodiché prelevali con una schiumarola e mettili ad asciugare su dei fogli di carta assorbente, salali e servili subito in tavola.

Se non li vuoi friggere, puoi irrorarli con poco olio di oliva o di semi, per poi farli cuocere nel forno preriscaldato in modalità statica 200 °C per circa 20 minuti, o comunque fino a quando saranno cotti e dorati.


Vota questa ricetta




ValentinaPiccoleRicette

Piemontese di origine, Lombarda di adozione. Potrei dire che cucino per passione, ma la verità è che cucino perchè sono una mangiona. Lo sono sempre stata, fin da piccola, anche quando mia madre mi metteva nel piatto le rape o il fegato con le cipolle, non facevo un plissè e ripulivo il piatto, un tritatutto insomma. Poi crescendo invece... non sono cambiata.

precedente
Plumcake salato olive e formaggio
successivo
Red Velvet Crinkles
  • 769 visualizzazioni
  • 90 min
  • 10 porzioni
  • Difficoltà media
  • 359 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

300 ml di latte
250 g di farina 00
1 uovo
pangrattato q.b.
250 g di passata di pomodoro
1 cucchiaio di cipolla bianca tritata
1 cucchiaino di origano secco
200 g di besciamella
50 g di provola dolce a cubetti
olio di oliva q.b.
olio di semi di arachidi q.b.
sale q.b.
precedente
Plumcake salato olive e formaggio
successivo
Red Velvet Crinkles

Carico i commenti...

Commenti

Esegui il login o registrati per commentare.