Ricetta Carote in agrodolce - La ricetta di Piccole Ricette
Carote in agrodolce

Carote in agrodolce

Extra:
  • Economica
  • Senza glutine
  • Senza lattosio
  • Vegetariana

Ingredienti

Preparazione Carote in agrodolce

Condividi

Le carote in agrodolce sono una conserva semplice da realizzare e deliziosa! Potrai servire queste carote come aperitivo diverso dal solito oppure come contorno dell’ultimo minuto. Sono anche perfette come ingrediente per le tue insalate di pasta o riso. Queste carote sono semplici e non hanno nessun tipo di aroma, ma se vuoi potrai arricchirle con dei grani di pepe nero oppure semi di coriandolo, o ancora timo o maggiorana freschi.

Per cominciare, spunta le carote alle estremità, pelale bene, tagliale a rondelle abbastanza spesse o a tocchetti e falle sbollentare in una pentola colma di acqua leggermente salata in ebollizione per 1 minuto.

Trascorso il minuto, scolale e immergile subito in una ciotola colma di acqua fredda e ghiaccio, lasciandole a bagno nell’acqua fredda per 2-3 minuti. Questo passaggio serve per bloccare la cottura delle carote e mantenerne al contempo il colore acceso. Trascorso il tempo necessario, scola nuovamente le carote e asciugale con un canovaccio pulito.

In un tegame capiente metti 300 ml di olio di oliva, 300 ml di aceto di mele, 3 g di sale e 10 g di zucchero, quindi porta ad ebollizione il tutto su fuoco vivace, mescolando spesso.

Appena il mix di aceto e olio inizierà a sobbollire, aggiungi le carote precedentemente sbollentate e lasciale cuocere per 2 minuti, dopodiché scolale nuovamente (tenendo da parte il liquido di cottura) e lasciale sgocciolare e raffreddare.

Disponi le carote (e gli eventuali aromi, se li vuoi mettere) nei vasetti precedentemente sterilizzati riempiendoli fino a 2 centimetri dal bordo, ricopri il tutto con il liquido di cottura e chiudi i barattoli con il loro coperchio.

Trasferisci i vasetti in una pentola capiente sistemando sul fondo e tra i vasetti dei canovacci che ne impediranno la rottura durante la cottura, quindi ricoprili di acqua fredda poi porta lentamente il tutto a bollore, lasciandoli bollire per 30 minuti.

Trascorso questo tempo spegni il fuoco e lascia freddare i vasetti nella loro acqua (ci vorrà qualche ora) dopodiché tirali fuori e asciugali, verificando che il sottovuoto sia stato fatto correttamente: se, premendo il tappo, non sentirai il classico “clic-clac”, il sottovuoto si sarà formato correttamente. In caso contrario, dovrai cambiare il tappo e ripetere l’operazione. Riponi i vasetti in un luogo fresco e al riparo dalla luce e non aprirli prima di 30 giorni (dopo 30 giorni le carote saranno pronte per essere consumate) in questo modo si conserveranno per sei mesi circa.

Articoli correlati


Vota questa ricetta

1/5 | 1 voti



Per commentare la ricetta scarica Piccole Ricette la mia app gratuita per iOS e Android

ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

precedente
Cobbler al pollo
successivo
Cataplana
  • 20 min
  • 6 porzioni
  • Difficoltà media
  • 71 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

600 g di carote
300 ml di aceto di mele
300 ml di olio di oliva
10 g di zucchero
sale q.b.
precedente
Cobbler al pollo
successivo
Cataplana