Ricetta Patatine fritte aglio e prezzemolo - La ricetta di Piccole Ricette
Patatine fritte aglio e prezzemolo

Patatine fritte aglio e prezzemolo

Extra:
  • Economica
  • Senza glutine
  • Senza lattosio
  • Vegetariana
Cucina:

Ingredienti

Preparazione Patatine fritte aglio e prezzemolo

Condividi

Le patate fritte si sa, sono un must, le regine dei contorni. Ma prova ad aromatizzarle con aglio e prezzemolo e scoprirai una nuova dimensione del gusto!

Prima di cominciare però bisogna spendere due parole sulle patate: scegli delle patate a pasta gialla di buona qualità, come la varietà Bintje o la Desirèe (la prima è una patata di origine Olandese a buccia chiara e pasta gialla, la seconda è una patata a buccia rossa e pasta gialla), lavale bene, pelale (ma volendo potrai anche utilizzarle con la buccia) e tagliale a bastoncini spessi 1 centimetro di lato e lunghi circa 5-7 centimetri.

Per ottenere dei bastoncini regolari, puoi utilizzare un tagliapatate, ossia un attrezzo che ha una griglia di lame adatte a ridurre la polpa delle patate a bastoncini regolari, in alternativa puoi procedere a mano, tagliando prima le patate a fette (per la lunghezza) spesse 1 centimetro e poi a bastoncini.

Una volta tagliate tutte le patate (500 g), mettile in una ciotola e coprile di acqua fredda, quindi lasciale a bagno per 5-10 minuti, poi sciacquale con cura e asciugale molto bene con un canovaccio pulito.

In una padella capiente e dai bordi alti fai scaldare 1,5 litri di olio di semi di arachidi, fino ad arrivare a una temperatura di circa 140-150 °C, se non possiedi un termometro da olio, puoi provare con una patatina: se risale in superficie in circa 25 secondi, ricoperta di bollicine, la temperatura è giusta.

Fai friggere le patate immergendone nell’olio due o tre manciate per volta, in modo da non abbassare la temperatura, altrimenti dopo la cottura risulteranno unte. Lasciale cuocere per 7-8 minuti smuovendole spesso, poi scolale, mettile ad asciugare su carta assorbente e lasciale intiepidire. Dopo questa prima frittura, le patatine dovranno risultare morbide: se ne pizzichi una tra le dita, si deve spappolare senza opporre resistenza.

Una volta fritte e scolate tutte le patatine, alza la fiamma e porta l’olio a una temperatura più elevata (dovrebbe aggirarsi intorno ai 175-180 °C). Anche qui, per verificare la temperatura, usa il termometro da olio o immergi una patatina: se risale immediatamente in superficie coprendosi di bollicine, la temperatura è giusta. Fai friggere le patatine una seconda volta (sempre poche per volta), questa volta per 3-4 minuti, smuovendole spesso per evitare che si attacchino fra loro.

Dopo questa seconda frittura le patatine saranno morbide all’interno ma croccanti fuori. Scolale con cura e asciugale su carta assorbente da cucina per qualche secondo, poi salale, cospargile con l’aglio tritato e 10 g di prezzemolo fresco tritato e servile immediatamente. Ricordati di non coprirle e non tenerle in caldo, perchè questo le farebbe solo diventare più molli.

Se vuoi, puoi anche spruzzarle con pochissimo aceto di mele, appena prima di servirle, sentirai che aroma!

Articoli correlati


Vota questa ricetta




Per commentare la ricetta scarica Piccole Ricette la mia app gratuita per iOS e Android

ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

Rolata di coniglio
precedente
Rolata di coniglio
successivo
Pardulas alla ricotta
  • 870 visualizzazioni
  • 40 min
  • 2 porzioni
  • Difficoltà media
  • 472 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

500 g di patate a pasta gialla soda (meglio qualità Bintje o Desirèe)
1,5 litri di olio di semi di arachidi (oppure girasole o mais)
10 g di prezzemolo fresco tritato
1 spicchio di aglio tritato
sale q.b.
Rolata di coniglio
precedente
Rolata di coniglio
successivo
Pardulas alla ricotta