Ricetta Pesto alla Genovese - La ricetta di Piccole Ricette
Pesto alla Genovese

Pesto alla Genovese

Extra:
  • Economica
  • Senza cottura
  • Senza glutine
  • Vegetariana

Ingredienti

Preparazione Pesto alla Genovese

Condividi

Il Pesto alla Genovese è una delle salse italiane più amate ed apprezzate non solo in Italia ma anche nel mondo. È stato anche inserito tra i Prodotti agroalimentari tradizionali liguri e la sua denominazione è soggetta a un disciplinare messo a punto dal Consorzio del pesto genovese. Per realizzare un buon pesto, è quindi molto importante la scelta degli ingredienti che devono essere freschissimi e di alta qualità. Negli ingredienti sono indicate le qualità degli ingredienti che rispettano la ricetta tradizionale, ma ovviamente, se non trovi l’aglio di Vessalico o il basilico di Pra’, puoi utilizzare quelli che trovi, otterrai comunque un ottimo risultato.

Per fare il pesto tradizionale, dovrai procurarti un mortaio di marmo e un pestello di legno, quindi procedi così: metti gli spicchi di aglio (sbucciati) nel mortaio, assieme a qualche grano di sale grosso, poi inizia a pestarli, continuando fin quando saranno ridotti in crema.

Aggiungi a questo punto le foglie di basilico (che non dovranno essere lavate, ma solo pulite con un panno umido) e un pizzico abbondante di sale marino grosso e continua a pestare il tutto, schiacciando le foglie contro le pareti del mortaio, ruotando il pestello da sinistra verso destra e girando contemporaneamente il mortaio nel senso opposto.

Continua a pestare fino a quando dalle foglie uscirà un liquido verde brillante e a questo punto unisci i pinoli e prosegui a pestare il tutto, riducendo il tutto in crema. Il basilico però ha un piccolo difetto: si ossida velocemente, quindi il mio consiglio è quello di lavorarlo più in fretta possibile, pena poi ritrovarti con un pesto (buono) ma molto scuro (e quando dico scuro, dico quasi nero).

Per ultimi aggiungi i formaggi grattugiati e l’olio di oliva, continuando a mescolare con il pestello, fino ad ottenere una crema soffice e omogenea.

Il tuo pesto è pronto per condire un buon piatto di pasta! Se invece non vuoi consumarlo subito, puoi conservarlo chiuso in un barattolo e ricoprendo il pesto con uno strato di olio di oliva: in questo modo si conserverà fino ad una settimana.

Se vuoi fare più in fretta, puoi preparare il pesto con il frullatore, a patto di utilizzare delle lame di plastica, perchè il metallo rende le foglie amarognole e di sapore erboso. Se utilizzi questo metodo, metti tutti gli ingredienti nel frullatore e azionalo a scatti, in modo da non surriscaldare il tutto, fino ad ottenere la consistenza desiderata.


Vota questa ricetta




ValentinaPiccoleRicette

Piemontese di origine, Lombarda di adozione. Potrei dire che cucino per passione, ma la verità è che cucino perchè sono una mangiona. Lo sono sempre stata, fin da piccola, anche quando mia madre mi metteva nel piatto le rape o il fegato con le cipolle, non facevo un plissè e ripulivo il piatto, un tritatutto insomma. Poi crescendo invece... non sono cambiata.

precedente
Pane spiralato con nocciole e cacao
successivo
Frittata ai cavoletti
  • 558 visualizzazioni
  • 20 min
  • 4 porzioni
  • Difficoltà media
  • 341 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

2 spicchi di aglio (meglio se di Vessalico)
1 pizzico di sale marino grosso
75 g di foglie di basilico fresco (perfetto il basilico di Pra')
100 ml di buon olio extravergine di oliva (meglio se ligure)
30 g di pecorino grattugiato (perfetto il Fiore Sardo)
70 g di parmigiano reggiano grattugiato
20 g di pinoli sgusciati
precedente
Pane spiralato con nocciole e cacao
successivo
Frittata ai cavoletti

Carico i commenti...

Commenti

Esegui il login o registrati per commentare.