Ricetta Spaghetti fritti piccanti - La ricetta di Piccole Ricette
Spaghetti fritti piccanti

Spaghetti fritti piccanti

Extra:
  • Economica
  • Piccante
  • Senza lattosio

Ingredienti

Preparazione Spaghetti fritti piccanti

Condividi

Gli spaghetti fritti piccanti sono un antipasto davvero saporito e alquanto particolare, oltre che un modo diverso di preparare e servire gli spaghetti. Incuriosiranno anche l’ospite più annoiato! Questa versione è piccante, ma volendo potrai modificare il condimento a tuo piacere.

Per cominciare, prepara il sughetto: in una casseruola posta su fuoco vivace fai scaldare 2 cucchiai di olio di oliva, unisci lo scalogno tritato e dopo un minuto anche la ‘Nduja, poi dopo un paio di minuti aggiungi i pomodori pelati a dadini, l’origano, il prezzemolo, un pizzico di sale e lascia cuocere la salsa per 10 minuti, mescolando di tanto in tanto. Verso fine cottura aggiungi anche il qualche foglia di basilico spezzettata a mano, poi appena il sughetto sarà pronto, spegni il fuoco e lascialo intiepidire.

A questo punto fai cuocere gli spaghetti in una pentola colma di acqua leggermente salata in ebollizione, lasciandoli cuocere fino a quando saranno ben al dente (di solito bastano 2 minuti in meno del tempo indicato sulla confezione). Terminato il tempo di cottura, scola gli spaghetti e passali sotto un getto di acqua fredda, in modo da raffreddarli velocemente, poi asciugali con un panno pulito e dividili in 4 mucchietti, formando dei piccoli nidi aiutandoti con una forchetta.

In una padella fai scaldare abbondante olio di semi di arachidi e non appena sarà ben caldo (175-180 °C circa; puoi verificare la temperatura con un termometro da olio oppure immergendo uno stecchino di legno nell’olio: quando attorno allo stecchino si formeranno tante piccole bollicine, significa che la temperatura è giusta) metti a friggere i nidi di spaghetti, lasciandoli cuocere fino a quando saranno uniformemente dorati.

Trasferisci i nidi di spaghetti fritti nei piatti da portata e condiscili con la salsa di pomodoro piccante tiepida, quindi servili immediatamente in tavola e buon appetito!

Idea alternativa: perchè non provare con altri tipi di pasta? Seguendo lo stesso procedimento, potrai friggere altri formati di pasta, come ad esempio penne, farfalle o fusilli, per poi servirli in cartocci di carta accompagnandoli con ciotoline della salsa che preferisci, in modo da gustare le paste fritte come se fossero dei nachos! E per una versione Gluten Free, ti basterà sostituire la pasta di semola con una pasta senza glutine.


Vota questa ricetta




ValentinaPiccoleRicette

Piemontese di origine, Lombarda di adozione. Potrei dire che cucino per passione, ma la verità è che cucino perchè sono una mangiona. Lo sono sempre stata, fin da piccola, anche quando mia madre mi metteva nel piatto le rape o il fegato con le cipolle, non facevo un plissè e ripulivo il piatto, un tritatutto insomma. Poi crescendo invece... non sono cambiata.

precedente
Insalata di anguria
successivo
Pollo con olive capperi e limone
  • 467 visualizzazioni
  • 30 min
  • 4 porzioni
  • Difficoltà media
  • 268 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

160 g di spaghetti
200 g di pomodori pelati a dadini
1 scalogno tritato
qualche foglia di basilico fresco
50 g di 'Nduja
mezzo cucchiaino di origano secco o fresco tritato
1 cucchiaio di prezzemolo fresco tritato
olio di oliva q.b.
olio di semi di arachidi per friggere q.b.
sale q.b.
precedente
Insalata di anguria
successivo
Pollo con olive capperi e limone

Carico i commenti...

Commenti

Esegui il login o registrati per commentare.