Ricetta Aglio marinato - La ricetta di Piccole Ricette
Aglio marinato

Aglio marinato

Dolce e delicato

Extra:
  • Economica
  • Senza glutine
  • Senza lattosio
  • Vegetariana

Ingredienti

Preparazione Aglio marinato

Condividi

L’aglio marinato è una conserva molto utile in casa, perché è adatto a tantissime preparazioni e oltretutto, essendo molto più delicato dell’aglio classico, è perfetto anche per chi non ama molto il suo sapore pungente. Questo aglio marinato infatti risulta molto più digeribile ed è così delicato che volendo, può essere anche servito come stuzzichino, perché dopo la cottura e il successivo periodo di marinatura, il suo sapore risulta dolce e delicato.

Prima di iniziare però devo spendere due parole sulla sanificazione dei vasetti prima di usarli. Per sterilizzare (o meglio, sanificare) i vasetti prima dell’utilizzo, immergili in una pentola di abbondante acqua fredda (il livello dell’acqua deve superare i tappi dei vasetti di almeno 5 centimetri) avendo cura di avvolgerli in strofinacci di cotone, per evitare che si rompano sbattendo fra loro quando l’acqua bolle. Porta a ebollizione e lascia sul fuoco per 25 minuti, poi scolali bene e falli asciugare all’aria, a quel punto saranno pronti per essere riempiti.

Per preparare l’aglio marinato, inizia sbucciando 4 teste di aglio ed eliminando gli spicchi rovinati o anneriti. In una pentola versa 350 ml di vino bianco secco, 350 ml di aceto di vino bianco, poi unisci 1 cucchiaino di sale, 1 cucchiaino di zucchero, 1 cucchiaio di pepe in grani, 4 chiodi di garofano, 1 foglia di alloro e 1 rametto di rosmarino, quindi accendi il fuoco e porta il tutto ad ebollizione.

Quando inizierà a bollire, aggiungi gli spicchi di aglio e falli cuocere per un minuto, dopodiché scolali e mettili ad asciugare su dei fogli di carta assorbente da cucina. Questo passaggio va fatto solo nel caso tu voglia mettere l’aglio sott’olio, se invece preferisci conservarlo nel liquido di cottura, puoi passare tranquillamente all’invasamento mettendo nei vasetti precedentemente sterilizzati gli spicchi di aglio coprendoli con la marinata e le erbe e le spezie che hai utilizzato per la cottura (evitando di usare quelle tritate).

Se invece vuoi metterlo sott’olio procedi scolando l’aglio e facendolo asciugare su fogli di carta assorbente.

Trasferisci gli spicchi di aglio nei vasetti, avendo cura di non arrivare a riempire completamente i barattoli, poi aggiungi 1 cucchiaio di rosmarino fresco o secco tritato e 1 cucchiaio di timo fresco o secco tritato, quindi copri gli spicchi con olio di oliva (mi raccomando, l’olio deve superare gli spicchi di un centimetro circa), chiudi i barattoli e procedi con il sottovuoto.

Trasferisci i vasetti in una pentola capiente sistemando sul fondo e tra i vasetti dei canovacci che ne impediranno la rottura durante la cottura, quindi ricoprili di acqua fredda poi porta lentamente il tutto a bollore, lasciandoli bollire per 30 minuti.

Trascorso questo tempo spegni il fuoco e lascia freddare i vasetti nella loro acqua (ci vorrà qualche ora) dopodichè tirali fuori e asciugali, verificando che il sottovuoto sia stato fatto correttamente: se, premendo il tappo, non sentirai il classico ‘clic clac’, il sottovuoto si sarà formato correttamente. In caso contrario, dovrai cambiare il tappo e ripetere l’operazione. Riponi i vasetti di aglio marinato in un luogo fresco e al riparo dalla luce per circa un mese prima di utilizzarlo, ricordandoti che in questo modo l’aglio si conserverà bene per circa 3 mesi.

Di solito per l’aglio marinato utilizzo dei vasetti come questi https://amzn.to/2I4SmRr che sono piccoli così una volta aperto, avrò tutto il tempo di consumare l’aglio senza rischiare di doverlo buttare.

Se ami le conserve, allora ti consiglio di provare anche i buonissimi ravanelli, che puoi preparare seguendo la ricetta://1326 Ravanelli agrodolci.

Articoli correlati

Per commentare la ricetta scarica Piccole Ricette la mia app gratuita per iOS e Android

ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

Nocciolotti senza cottura
precedente
Nocciolotti senza cottura
Crostata al burro d'arachidi
successivo
Crostata al burro d’arachidi
  • 120 min
  • 4 porzioni
  • Difficoltà media
  • 50 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

4 teste di aglio
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaio di pepe in grani
4 chiodi di garofano
1 foglia di alloro
1 rametto di rosmarino
350 ml di vino bianco secco
350 ml di aceto di vino bianco
1 cucchiaio di rosmarino fresco o secco tritato
1 cucchiaio di timo fresco o secco tritato
olio di oliva q.b.
Nocciolotti senza cottura
precedente
Nocciolotti senza cottura
Crostata al burro d'arachidi
successivo
Crostata al burro d’arachidi