Ricetta Crepe Suzette - La ricetta di Piccole Ricette
Crepe Suzette

Crepe Suzette

Il dolce tipico monegasco

Extra:
  • Economica
  • Vegetariana
Cucina:

Ingredienti

Preparazione Crepe Suzette

Condividi

Di norma, si tende ad attribuire la paternità delle Crepe Suzette alla Francia, con una certa probabilità però non si tratta di una preparazione francese, bensì monegasca, infatti la ricetta pare essere nata nel Principato di Monaco. Legate alla nascita delle Crepe Suzette ci sono infatti due versioni: quella meno “romantica”, afferma che sarebbero state ideate dal maître Josèph del ristorante “Marivaux” di Parigi nel 1897, in onore di un’attrice dell’Opera di nome Suzette. L’altra versione, quella più interessante, narra che siano nate dal fortunatissimo errore di un giovane apprendista di nome Henry Charpentier, che lavorava al “Cafè de Paris”, di Montecarlo, al servizio del grande Auguste Escoffier.

Sembra che il giovane Charpentier stesse preparando una Crepe a Edoardo VIII, Principe del Galles e colto dall’emozione, abbia fatto cadere per errore del liquore sulla Crepe, che a contatto col fuoco, andò in fiamme. Per non far attendere ulteriormente il principe, il giovane assaggiò il dolce e trovandolo delizioso, lo mandò al tavolo di Edoardo VIII che, entusiasta, chiese addirittura il bis.

Terminato il pranzo, il Principe chiese al giovane il nome del dessert che gli era stato servito e Charpentier rispose prontamente “Crepe Prince de Galles”. Il principe però chiese che il nome venisse dedicato alla bellissima figlia di un suo amico che stava pranzando con lui, il suo nome era Suzette.

Per preparare le Crepe Suzette inzia occupandoti dell’impasto per le crepes: rompi 2 uova in una ciotola capiente e sbattile con una forchetta. Aggiungi 350 ml di latte, 10 g di zucchero, la scorza grattugiata di mezza arancia non trattata e un pizzico di sale, quindi continua a sbattere, sempre usando la forchetta, oppure una frusta a mano.

Aggiungi 170 g di farina 00, precedentemente setacciata, al composto di latte e uova e mescola bene con una frusta per evitare che si formino grumi. Per finire, incorpora 20 g di burro fuso tiepido. Continua a mescolare con cura fino a ottenere un composto liscio, fluido e privo di grumi.

Copri la ciotola con la pellicola trasparente e metti la pastella a riposare in frigorifero per 30 minuti prima di utilizzarla. Queste dosi ti basteranno per realizzare 8 crepes piuttosto sottili del diametro di circa 18-20 centimetri, quindi due crepes a testa.

Per preparare le tue crepes, usa l’apposita padella, oppure, se non ce l’hai, una padella antiaderente di 18-20 centimetri di diametro. Ungila leggermente con poco burro e falla scaldare per bene, poi versa al centro un mestolino di pastella. Spianala con l’apposita paletta oppure fai ruotare la padella fino a distribuire uniformemente il composto e fai cuocere per 1 minuto a fuoco medio-basso.

Quando, sollevandola leggermente, vedrai che la crepe è bella dorata, girala delicatamente con la paletta e cuocila anche dall’altra parte. Procedi in questo modo fino ad esaurimento della pastella.

Man mano che sono pronte, disponile su di un piatto piegandole in quattro in modo da ottenere dei piccoli ventagli.

Ora occupati della salsa: grattugia o riduci a striscioline la scorza di 3 arance non trattate, avendo cura di prelevare solo lo strato superiore arancione e non la parte bianca, spremine il succo e filtralo per eliminare eventuali semini o impurità, dopodiché fai la stessa cosa con il limone, grattugiane la scorza e spremilo, poi filtra il succo e tieni tutto da parte.

In una padella capiente posta su fuoco basso fai sciogliere 80 g di burro assieme a 120 g di zucchero e lascia che il burro si sciolga completamente. L’ideale sarebbe utilizzare una padella in acciaio, o comunque senza il rivestimento antiaderente, che rischierebbe di rovinarsi durante la flambatura.

Unisci a questo punto la scorza grattugiata delle arance e del limone, il succo (sia dell’arancia che del limone) e lascia cuocere la salsa a fuoco basso finché lo zucchero non si sarà sciolto completamente, poi aggiungi le crepes piegate e lasciale affogare completamente nella salsa.

A questo punto devi flambare le crepes. Per farlo, scalda in un pentolino 150 ml di  Grand Marnier e successivamente versalo sopra le crepes, poi solleva la padella quanto basta, in modo che il liquido, avvicinandosi al bordo caldo della padella e alla fiamma dei fornelli, prenda fuoco. Una volta che avrà preso fuoco, agita dolcemente la padella per qualche istante (la flambatura va fatta solo per qualche secondo), poi spegni le fiamme coprendo la padella con il coperchio.

Una volta estinte le fiamme, le tue Crepe Suzette sono pronte per essere servite, assieme alla loro salsina.

Spesso c’è chi, una volta pronte, serve le crepe suzette cosparse con poco zucchero a velo, oppure assieme a una ganache al cioccolato tiepida. Se vuoi provarle con la ganache, puoi seguire la ricetta://3271 Ganache al cioccolato, servendola tiepida assieme alle crepes. Buon appetito!

Articoli correlati


Vota questa ricetta

2/5 | 1 voti



ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

Pasta al pecorino e piselli
precedente
Pasta al pecorino e piselli
Spiedini di salmone all'ananas
successivo
Spiedini di salmone all’ananas
  • 827 visualizzazioni
  • 60 min
  • 4 porzioni
  • Difficoltà media
  • 687 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

2 uova grandi
350 ml di latte
170 g di farina 00
20 g di burro fuso tiepido + un po’ per ungere la padella
1 pizzico di sale
10 g di zucchero
la scorza grattugiata di mezza arancia non trattata
3 arance non trattate
1 limone
80 g di burro
120 g di zucchero
150 ml di Grand Marnier
Pasta al pecorino e piselli
precedente
Pasta al pecorino e piselli
Spiedini di salmone all'ananas
successivo
Spiedini di salmone all’ananas

Carico i commenti...

Commenti

Esegui il login o registrati per commentare.