Ricetta Pizze fritte alla ricotta - La ricetta di Piccole Ricette
Pizze fritte alla ricotta

Pizze fritte alla ricotta

Extra:
  • Economica
  • Vegetariana
Cucina:

Ingredienti

Preparazione Pizze fritte alla ricotta

Condividi

Le pizze fritte alla ricotta sono un delizioso piatto della tradizione Napoletana. In questo caso sono farcite con un ripieno di ricotta e provola, ma se vuoi tu puoi aggiungere degli affettati a cubetti, come pancetta o salame.

Una cosa importante, per evitare che il ripieno risulti acquoso, è quella di far scolare tutto il liquido possibile alla ricotta prima di inserirla all’interno delle pizze, quindi, prima di tutto, metti la ricotta sbriciolata grossolanamente in un colino a maglie strette posto su una ciotolina e lasciala riposare un’ora in frigorifero e un’ora fuori, perchè al momento di utilizzarla dovrà essere a temperatura ambiente e lo stesso discorso vale per la provola (così eviterai di ritrovarti con un ripieno gelido, che non fa mai piacere).

Mentre la ricotta si asciuga, occupati della pasta: metti le farine setacciate in una ciotola e forma una fontanella. Fai sciogliere il lievito di birra in un bicchiere con un po’ di acqua tiepida (prelevandola dal totale) assieme a 3 g di zucchero e lascialo riposare fin quando si sarà formata una schiumetta in superficie.

Versa un po’ di acqua e lievito al centro della fontana di farina e gira lentamente con due dita, muovendo solo la porzione di farina che si unisce al liquido formando una pastella. Successivamente aggiungi un altro po’ di lievito continuando a rimestare, sempre nella zona centrale, prelevando dai bordi la farina necessaria ad asciugare il liquido. Ripeti l’operazione aggiungendo l’acqua rimanente.

A questo punto puoi unire anche l’olio e 9 g di sale cominciando ad impastare anche tutto il resto della farina. Continua ad impastare fino a quando non avrai per le mani un impasto morbido ed elastico, che non si appiccica alle mani.

Un consiglio: aggiungi sempre poca acqua per volta,  considera che la dose consigliata non va necessariamente usata tutta, così come potrebbe non bastare. Se vedi che l’impasto è molto secco puoi aggiungere altra acqua (sempre tiepida), se invece ti sembra troppo morbido e appiccicoso, puoi aggiungere, a piccole dosi, della farina.

Ora non ti resta che mettere il panetto in una terrina, coprirlo con un panno umido e lasciarlo lievitare in un luogo tiepido per circa 2 ore, passate le quali puoi stenderlo sul piano di lavoro e aiutandoti con un mattarello, stendi la pasta ad uno spessore di circa mezzo centimetro e con un coppapasta del diametro di circa 12-14 centimetri, ritaglia 12 dischi di pasta.

A questo punto trasferisci la ricotta in una ciotola, mescolala assieme alla provola a cubetti e condisci il tutto con un pizzico di sale e una generosa macinata di pepe, poi con un cucchiaio deposita un mucchietto di composto ai formaggi nel mezzo di ogni disco di pasta. Ripiega a metà i dischetti ottenendo tante mezzalune e sigillane i bordi pizzicandoli con le dita.

Ora non ti resta che friggere le pizze, una o due alla volta in una pentola con abbondante olio bollente. Due piccoli consigli: per evitare di ritrovarti con delle pizze fritte che trasudano olio, utilizza una pentola piuttosto profonda: più l’olio sarà profondo, più le pizze verranno fritte in maniera uniforme. Inoltre assicurati che l’olio sia ben caldo prima di mettere le pizze a friggere: la temperatura ideale dell’olio è raggiunta quando, buttandoci dentro un pezzetto di impasto, questo risalirà immediatamente in superficie e intorno si formeranno tante bollicine, ma il pezzetto di pasta non si scurirà troppo in fretta.

Le pizze fritte alla fine dovranno risultare dorate, non troppo scure, ma nemmeno bianche. man mano che sono pronte, scolale dall’olio in eccesso e adagiale su fogli di carta assorbente da cucina, ad asciugare.

Servi le pizze fritte ben calde e buon appetito!

Articoli correlati


Vota questa ricetta




Per commentare la ricetta scarica Piccole Ricette la mia app gratuita per iOS e Android

ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

precedente
Fagioli e cime di rapa
successivo
Torta autunnale
  • 835 visualizzazioni
  • 220 min
  • 12 porzioni
  • Difficoltà difficile
  • 335 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

250 g di farina manitoba
250 g di farina 00
7 g di lievito di birra secco
3 g di zucchero
25 g di olio di oliva
300 ml circa di acqua tiepida
9 g di sale
250 g di ricotta fresca di mucca
150 g di provola dolce a cubetti piccoli
pepe q.b.
olio di semi per friggere q.b.
precedente
Fagioli e cime di rapa
successivo
Torta autunnale