Ricetta Pollo arrosto al sake - La ricetta di Piccole Ricette
Pollo arrosto al sake

Pollo arrosto al sake

L’alternativa di ispirazione asiatica

Extra:
  • Economica
  • Senza lattosio

Ingredienti

Preparazione Pollo arrosto al sake

Condividi

Il pollo arrosto al sake è una rivisitazione in chiave asiatica del classico pollo arrosto, un’idea alternativa da servire se avete voglia di qualcosa di diverso dal solito.

Se non la conosci, la salsa tamari, ossia questa https://amzn.to/2Qb6GyX è una sorta di salsa di soia più saporita e di solito è senza glutine, io la trovo facilmente nei negozi di alimentari etnici oppure nei supermercati più forniti.

Per preparare il pollo arrosto al sake, inizia massaggiando il pollo con un filo di olio di oliva mescolato a 1 pezzetto da 1 centimetro di zenzero fresco tritato, in modo da far aderire meglio il sale e il pepe.

Sala e cospargi di pepe il pollo, poi disponilo in una teglia e mettilo a cuocere nel forno preriscaldato in modalità ventilata a 200 °C per circa 20 minuti, trascorsi i quali potrai irrorarlo con 50 ml di sakè e rimetterlo nel forno per altri 20 minuti.

Durante la cottura, il pollo rilascerà del liquido: ogni tanto tiralo fuori e con un cucchiaio preleva un po’ di sughetto con un cucchiaio e usalo per bagnare il pollo in superficie.

Trascorsi questi altri 20 minuti, tira fuori il pollo e bagnalo con 50 ml di salsa tamari, poi rimettilo nel forno e prosegui la cottura come prima, bagnandolo e spennellandolo con la salsa ogni tanto, fino a quando sarà ben cotto anche internamente.

Per verificare il grado di cottura del pollo, il modo più preciso è usare un termometro da carne come questo http://amzn.to/2FHwadF. Quando segnerà una temperatura di 75 °C nella parte interna della sovracoscia, vuol dire che è pronto.

Se invece non possiedi un termometro adatto allo scopo, puoi utilizzare il vecchio metodo che non mi ha mai tradito: punzecchia a fondo la coscia e la sovracoscia con uno stecchino, se esce un liquido trasparente o leggermente biancastro, il pollo è cotto, se il liquido è rossastro o rosato, vuol dire che deve cuocere ancora un po’.

A fine cottura spennella il pollo con due cucchiai di salsa teriyaki e rimettilo in forno giusto il tempo di farlo scurire in superficie.

Una volta cotto, sforna il pollo e taglialo a pezzi, poi servilo in tavola cospargendolo con un cipollotto bianco tagliato a rondelle e buon appetito!

Se non sai con cosa servire questo pollo, allora ti posso consigliare un contorno che puoi realizzare seguendo la ricetta://3874 Patate schiacciate.

Per commentare la ricetta scarica Piccole Ricette la mia app gratuita per iOS e Android

ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

Brownies al burro di arachidi
precedente
Brownies al burro di arachidi
Gnocchi al pesto di asparagi
successivo
Gnocchi al pesto di asparagi
  • 90 min
  • 4 porzioni
  • Difficoltà media
  • 305 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

1 pollo intero da 1200 g circa
50 ml di sakè
50 ml di salsa tamari
2 cucchiai di salsa Teriyaki
1 cipollotto bianco
olio di oliva q.b.
1 pezzetto da 1 centimetro di zenzero fresco tritato
sale q.b.
pepe q.b.
Brownies al burro di arachidi
precedente
Brownies al burro di arachidi
Gnocchi al pesto di asparagi
successivo
Gnocchi al pesto di asparagi