Ricetta Confettura di amarene - La ricetta di Piccole Ricette
Confettura di amarene

Confettura di amarene

La confettura che sa di estate

Extra:
  • Senza glutine
  • Senza lattosio
  • Vegetariana

Ingredienti

Preparazione Confettura di amarene

Condividi

La confettura di amarene è una conserva deliziosa, dolce ma non troppo e il suo colore rosso intenso richiama subito alla mente le giornate estive. Io la faccio da anni ed è una di quelle confetture che non mi stanca mai, anche se ha un solo lato negativo: la lunga e noiosa pulizia delle amarene. Ma superato questo scoglio, il resto sarà in discesa!

Con queste dosi otterrai circa 1 kg di confettura, quindi le calorie indicate si riferiscono a circa 100 g di confettura di amarene.

Per preparare la confettura di amarene, devi innanzitutto pulire bene le amarene, in maniera da ottenere poco più di 1 kg di polpa. Perciò lavale con cura, elimina i piccioli e utilizzando un paio di guanti, tagliale a metà ed elimina i noccioli, quindi mettile in una ciotola capiente.

Aggiungi alle amarene pulite 400 g di zucchero e il succo di mezzo limone, quindi copri la ciotola con la pellicola trasparente e lascia riposare le amarene in frigorifero per circa 4 ore.

Trascorso il tempo di riposo vedrai che si sarà formato molto liquido, in parte formato dallo zucchero sciolto e in parte rilasciato dalle amarene.

Trasferisci le amarene con tutto il loro liquido in una pentola capiente e con il fondo spesso, quindi mettile a cuocere su fuoco basso.

Mescola bene il tutto e porta lentamente a bollore, lasciando cuocere la confettura per circa 60 minuti dall’inizio dell’ebollizione, o comunque fino a quando la confettura raggiungerà una temperatura compresa tra i 105 e i 108 °C, temperatura che indica la giusta cottura dello zucchero, mescolando spesso per evitare che si attacchi sul fondo ed eliminando man mano la schiumetta che si formerà in superficie.

Per verificare la temperatura della confettura, dovrai utilizzare un termometro da cucina, io di solito utilizzo questo https://amzn.to/2s4lLTt che è molto preciso e la lettura è istantanea.

Se non hai un termometro da cucina, un modo per verificare la cottura della tua confettura di amarene è la “prova del piattino”, che consiste nel mettere un cucchiaino di confettura su un piattino: se inclinando il piattino, la confettura scivola lentamente, la consistenza è giusta e significa che è pronta e puoi spegnere il fuoco, altrimenti dovrai proseguire la cottura fino a quando la confettura di amarene avrà raggiunto la giusta consistenza.

Una volta cotta, spegni il fuoco e lasciala intiepidire o raffreddare, a quel punto potrai passare la confettura al passaverdure, se non ami i pezzi di frutta al suo interno oppure potrai lasciarla così com’è.

Personalmente, quando devo passare marmellate o altre conserve, utilizzo questo https://amzn.to/2IDKBom un passaverdure in acciaio inox, che ha due griglie diverse, così posso decidere quanto rendere fine e cremosa la mia confettura.

Mentre la confettura di amarene si raffredda, sterilizza i vasetti di vetro che userai per conservarla e per farlo, immergili, senza tappo, in una pentola di abbondante acqua fredda (il livello dell’acqua deve superare i tappi dei vasetti di almeno 5 centimetri) avendo cura di avvolgerli in strofinacci di cotone, per evitare che si rompano sbattendo fra loro quando l’acqua bolle. Porta a ebollizione e lascia sul fuoco per 25 minuti, poi scolali bene e falli asciugare all’aria, a quel punto saranno pronti per essere riempiti.

Per mettere la confettura di amarene sotto vuoto, riempi i vasetti di confettura, arrivando a 2 centimetri circa dal bordo di ogni vasetto, quindi richiudili con il loro coperchio. Trasferisci i vasetti in una pentola capiente sistemando sul fondo e tra i vasetti dei canovacci che ne impediranno la rottura durante la cottura, quindi ricoprili di acqua fredda poi porta lentamente il tutto a bollore, lasciandoli bollire per 30 minuti.

Trascorso questo tempo spegni il fuoco e lascia freddare i vasetti nella loro acqua (ci vorrà qualche ora) dopodichè tirali fuori e asciugali, verificando che il sottovuoto sia stato fatto correttamente: se, premendo il tappo, non sentirai il classico ‘clic clac’, il sottovuoto si sarà formato correttamente. In caso contrario, dovrai cambiare il tappo e ripetere l’operazione. Riponi i vasetti in un luogo fresco e al riparo dalla luce, in questo modo la confettura di amarene si conserverà per un anno circa.

Se ami le confetture, allora puoi realizzare anche quella alle albicocche o alle pesche, seguendo la ricetta://3640 Confettura di albicocche o la ricetta://3639 Confettura di pesche.

Articoli correlati


Vota questa ricetta

5/5 | 1 voti



Per commentare la ricetta scarica Piccole Ricette la mia app gratuita per iOS e Android

ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

Insalata caprese alle olive
precedente
Insalata caprese alle olive
Ravioli di patate al pesto
successivo
Ravioli di patate al pesto
  • 49 visualizzazioni
  • 360 min
  • 10 porzioni
  • Difficoltà media
  • 218 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

1,2 kg di amarene mature
400 g di zucchero
il succo di mezzo limone
Insalata caprese alle olive
precedente
Insalata caprese alle olive
Ravioli di patate al pesto
successivo
Ravioli di patate al pesto