Ricetta Confettura di uva - La ricetta di Piccole Ricette
Confettura di uva

Confettura di uva

La confettura autunnale per eccellenza

Extra:
  • Economica
  • Senza glutine
  • Senza lattosio
  • Vegetariana

Ingredienti

Preparazione Confettura di uva

Condividi

La Confettura di uva è una conserva poco diffusa qua in Italia. L’ho vista spesso nei miei viaggi negli Stati Uniti, dove viene consumata spesso a colazione, spalmata sul pane assieme al burro di arachidi salato o dolce, con il quale crea un fantastico contrasto di sapore, ma si presta davvero benissimo per preparare crostate e biscotti farciti, o magari abbinata a formaggi stagionati e sapidi, come pecorino o parmigiano.

Se vuoi provare invece il famoso panino più consumato d’America, allora puoi seguire la ricetta://3314 Panino al burro di arachidi.

Per realizzare la confettura di uva puoi utilizzare uva bianca o nera, oppure, per un sapore più particolare, puoi provarla con l’uva fragola, che dona a questa conserva un aroma inconfondibile e delizioso. Tieni comunque conto che con queste dosi ne otterrai circa 500 g, quindi le calorie indicate si riferiscono grossomodo a 100 g di confettura di uva.

Per prima cosa lava molto bene 1 kg di uva, asciugala, sgranala eliminando i raspi e gli eventuali piccioli rimasti attaccati agli acini e mettili in un tegame capiente.

Aggiungi nella casseruola 550 g di zucchero semolato e il succo spremuto di un limone, quindi trasferisci la casseruola su fuoco medio e fai cuocere il tutto per circa 30 minuti, mescolando spesso, in maniera da rompere gli acini.

Trascorsi questi 30 minuti setaccia il composto attraverso un passaverdure o un colino a maglie strette, in maniera da eliminare le bucce e i semini, raccogliendo la polpa e il succo in una ciotola resistente al calore.

Versa la polpa setacciata (che sarà ancora decisamente liquida) nella casseruola ben lavata e pulita e rimettila su fuoco basso, quindi lasciala cuocere per altri 30-40 minuti o comunque fino a quando la confettura raggiungerà una temperatura compresa tra i 103 e i 105 °C, mescolando spesso per evitare che si attacchi sul fondo.

Per verificare la temperatura della tua confettura di uva, dovrai utilizzare un termometro da cucina, io di solito utilizzo questo https://amzn.to/2s4lLTt che è molto preciso e la lettura è istantanea.

Se non hai un termometro da cucina, un modo per verificare la consistenza della tua confettura di uva è la “prova del piattino”, che consiste nel mettere un cucchiaino di confettura su un piattino: se inclinando il piattino, la confettura scivola lentamente, la consistenza è giusta e significa che è pronta e puoi spegnere il fuoco, altrimenti dovrai proseguire la cottura fino a quando avrà raggiunto la giusta consistenza.

Una volta cotta, spegni il fuoco e versa la confettura ancora bollente nei vasetti adatti al sottovuoto precedentemente sterilizzati, arrivando a 2 centimetri circa dal bordo di ogni vasetto, quindi richiudili con il loro coperchio e capovolgili sottosopra, dopodiché lasciali raffreddare completamente, in questo modo si formerà il sottovuoto.

Per sterilizzare i vasetti prima dell’utilizzo, immergili in una pentola di abbondante acqua fredda (il livello dell’acqua deve superare i tappi dei vasetti di almeno 5 centimetri) avendo cura di avvolgerli in strofinacci di cotone, per evitare che si rompano sbattendo fra loro quando l’acqua bolle. Porta a ebollizione e lascia sul fuoco per 25 minuti, poi scolali bene e falli asciugare all’aria, a quel punto saranno pronti per essere riempiti.

In alternativa puoi fare così: riempi i vasetti (sempre precedentemente sterilizzati) di confettura fredda o tiepida arrivando a 2 centimetri circa dal bordo di ogni vasetto, quindi richiudili con il loro coperchio. Trasferisci i vasetti in una pentola capiente sistemando sul fondo e tra i vasetti dei canovacci che ne impediranno la rottura durante la cottura, quindi ricoprili di acqua fredda poi porta lentamente il tutto a bollore, lasciandoli bollire per 30 minuti.

Trascorso questo tempo spegni il fuoco e lascia freddare i vasetti nella loro acqua (ci vorrà qualche ora) dopodichè tirali fuori e asciugali, verificando che il sottovuoto sia stato fatto correttamente: se, premendo il tappo, non sentirai il classico ‘clic clac’, il sottovuoto si sarà formato correttamente. In caso contrario, dovrai cambiare il tappo e ripetere l’operazione. Riponi i vasetti in un luogo fresco e al riparo dalla luce, in questo modo la confettura di uva si conserverà per un anno circa.

Se ami le confetture, allora puoi realizzare anche quella alle albicocche o ai mirtilli, seguendo la ricetta://3640 Confettura di albicocche oppure la  ricetta://3625 Confettura di mirtilli.

Articoli correlati


Vota questa ricetta

5/5 | 1 voti



Per commentare la ricetta scarica Piccole Ricette la mia app gratuita per iOS e Android

ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

Pasta al tonno
precedente
Pasta al tonno
Crepes alle mele caramellate
successivo
Crepes alle mele caramellate
  • 156 visualizzazioni
  • 120 min
  • 5 porzioni
  • Difficoltà media
  • 548 Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

1 kg di uva nera o bianca
il succo spremuto di 1 limone
550 g di zucchero semolato
Pasta al tonno
precedente
Pasta al tonno
Crepes alle mele caramellate
successivo
Crepes alle mele caramellate