Ricetta Curry del Punjab - I mix di Piccole Ricette

Curry del Punjab

Il Masala dal cuore del Punjab

Extra:
  • Ideale con il pesce
  • Ideale con la carne
  • Ideale con le verdure
  • Ideale con pasta e riso
  • Mix non piccante
Cucina:

Un mix di spezie perfetto per le carni di maiale e agnello, ma ottimo anche per salmone e gamberetti.

Ingredienti

Preparazione Curry del Punjab

Condividi

Curry è il nome occidentale utilizzato per indicare principalmente il Masala, una miscela indiana di numerose spezie che vengono macinate utilizzando il mortaio. In India ogni regione, ogni città e ogni famiglia ha un suo curry, che viene preparato in funzione della disponibilità delle spezie, del loro costo, ma anche dei gusti personali. Il curry del Punjab è una miscela la cui ricetta proviene dal nord dell’India e più precisamente dal Punjab, una regione vicina al Kashmir.

Preparazione

Fai tostare a secco le spezie (tranne il macis e la noce moscata) in un padellino antiaderente posto su fuoco medio per un paio di minuti, finché saranno tostate ed emaneranno un gradevole aroma, facendo attenzione a non bruciarle.

Lasciale raffreddare completamente, poi macinale finemente e mescolale con cura, aggiungendo anche il macis e la noce moscata. Trasferisci questa miscela in un barattolo di vetro, chiudilo ermeticamente e conservalo preferibilmente al buio. In questo modo si manterrà bene per circa 6 mesi.

Utilizzo

Utilizza il curry del Punjab per preparare il risotto o per insaporire piatti di carne come il delizioso pollo al curry. Non dimenticare però che si accompagna benissimo a ricette con carne di maiale e agnello, ma anche al pesce, in particolare salmone e gamberetti. Tra le numerose ricette che puoi preparare con il curry, ci sono anche le zuppe di verdure e legumi.

Forse non sai che

Il curry ha numerose proprietà che derivano dalle singole spezie di cui è composto e quindi variano a seconda della varietà: digestivo, antinfiammatorio, antiossidante…

Il macis (chiamato anche mace o fiore della noce moscata) è una spezia originaria delle isole Molucche. Si tratta della parte (chiamata endocarpo) che riveste il seme della noce moscata. Quando è fresco è di colore rosso brillante, poi seccandosi diventa arancione chiaro. Ha un sapore simile a quello della noce moscata ma più delicato e viene utilizzato di solito nella preparazione di miscele di spezie (come ad esempio il curry), negli aceti speziati per la conservazione delle verdure e risulta molto gradevole nelle salse a base di formaggio.

Articoli correlati


Vota questa ricetta




Per commentare la ricetta scarica Piccole Ricette la mia app gratuita per iOS e Android

ValentinaPiccoleRicette

Da autodidatta in cucina sperimento per capire la chimica degli alimenti. Sempre alla ricerca, perché il cibo e la cucina non siano solo scienza, ma soprattutto tempo e memoria. O forse solo perché mi piace mangiare.

precedente
Parigina
successivo
Salmone su vellutata di zucchine
  • 298 visualizzazioni
  • 30 min
  • 1 porzioni
  • Difficoltà facile
  • N.d. Kcal

Condividilo sui tuoi social:

Oppure copia e condividi questo url

Ingredienti

3 cucchiai di semi di coriandolo
1 cucchiaino di cannella spezzettata
10 bacche di cardamomo
10 chiodi di garofano
mezzo cucchiaino di semi di cumino
mezzo cucchiaino di noce moscata grattugiata
mezzo cucchiaino di macis in polvere
precedente
Parigina
successivo
Salmone su vellutata di zucchine